Society

Che era è

by SnoopyWanderer on

Siamo nell’era della globalizzazione

quella delle merci e non delle persone

Se scappi dalla guerra ti sparano al gommone

ma puoi mangiarti un Mac o il pesce del Giappone

Non ti stupir se a volte uno diventa rosso

il nero sta ben con tutto purché non l’abbia addosso

La pace tra fratelli, quest’è una cosa bella

non c’è merce più rara su questa nostra terra. 

Se ti è piaciuto questo articolo:

La società in cui viviamo è una società “giusta”? Abbiamo tutti le stesse possibilità di percorrere la nostra personale strada per la felicità? Hell, no!

Cosa ce lo impedisce? Cosa impedisce (anche) ad un senzatetto di prendere in mano la sua vita? E’ possibile estinguere la povertà? Queste e tante altre domande sono trattate da Rutger Bregman, storico olandese, classe 1988, nel suo libro Utopia For Realists.

L’autore mostra com’è possibile ricostruire la società su idee visionarie ma assolutamente implementabili e riporta numerosi studi ed esperimenti sociali a supporto delle sue tesi.

Se ti è piaciuto questo articolo:

Un mondo di plastica

by SnoopyWanderer on

“Se il mondo non fosse malato basterebbero tre mosse: prima mossa, abolire il packaging; seconda mossa, abolire l’obsolescenza programmata; terza mossa, produrre e consumare solo ciò che davvero serve. Ma bisognerebbe fare preliminarmente la mossa zero: togliere il potere agli sviluppisti.” (la Repubblica, 21 luglio 2017)

Se ti è piaciuto questo articolo:

La vita è troppo breve per un lavoro a tempo pieno. Troppo breve, e troppo preziosa. Il tempo non controllato e misurato è un tesoro, le chiacchierate in libertà, i pomeriggi che scivolano lentamente nella sera, le cene che sono l’occasione per un ultimo caffè…

Qualche anno fa Mohit Satyanand decise di lasciare il suo lavoro full time per andare a vivere, insieme alla moglie, alla pendici dell’Himalaya. Quando tornò a Delhi perché per il figlioletto era giunta l’ora di andare a scuola, niente fu come prima. Per lui il tempo aveva acquisito un valore diverso e ciò che lo aveva spinto in passato a lasciare la città l’aveva plasmato in modo irreversibile.

Ecco la sua storia, raccontata in prima persona su Quartz:

Se ti è piaciuto questo articolo: