Che senso ha imparare una lingua straniera?

by SnoopyWanderer on

Dovremmo imparare più lingue straniere, quelle che ci piacciono, che ci incuriosiscono, per poterle parlare anche pochi giorni in un paese lontano. Parlare una lingua che non ci appartiene ad un madrelingua straniero ci permetterà di entrare maggiormente in sintonia con quella persona; inoltre, capire un’altra lingua è come avere una chiave che ci consente di accedere ad un insieme di informazioni, di idee nuove in lingua madre, del quale saremmo altrimenti estranei, e nell’era dell’informazione non è un dettaglio da sottovalutare. Certo, esistono le traduzioni, i doppiaggi, quello che volete… ma molte fonti non godono di tale ‘privilegio’.

Da una semplice conoscenza (una lingua straniera, appunto) si passa ad una maggiore comprensione di un mondo che per noi sarà quindi completamente nuovo. Purtroppo non tutti apprezzano tale possibilità, tale gioia. Le lingue straniere sono prevalentemente insegnate nelle scuole, oltre che male, anche in un’ottica sbagliata, della mera ricerca di un posto di lavoro, del “fare curriculum”, …

D’altro lato, altrettanto importante, a mio avviso, è la difesa del nostro patrimonio culturale e, più precisamente, della nostra lingua madre e le nostre lingue locali, i nostri dialetti. È grazie a loro se le nostre radici sono ben salde al terreno, se le nostre tradizioni sopravvivono nonostante la globalizzazione. Una lingua è anche uno strumento di colonizzazione, uno dei tanti che vorrebbero appiattire un mondo pieno di diversità e che vede tali diversità non come una ricchezza, ma come un intralcio ad un sistema di controllo: “Abbiamo fatto l’Italia, ora dobbiamo fare gli italiani”, appunto, per citarne una. Anziché godere dell’incontro di culture diverse, si passa all’omologazione di esse a favore di una “grande cultura” unica per tutti; quella “occidentale”, nel nostro caso, della società dei consumi; dell’inglese a tutti i costi, per restare in tema.

Impariamo le lingue straniere per entrare in contatto con l’altro, per raccontarci, per arricchirci. Nel contempo, difendiamo i nostri dialetti, le nostre origini, le nostre tradizioni, cosicché indosseremo nel mondo un colore del tutto originale, solo nostro.

Non temiamo le differenze, esaltiamole! E creiamo ponti, non muri.

 

SW

Se ti è piaciuto questo articolo:

Written by: SnoopyWanderer

1 Comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *